Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Siamo arrivati alla terza puntata di #IndieBitesLive e la musica è più che mai protagonista assoluta. In questa puntata sono intervenuti due musicisti di età e caratteristiche musicali diverse: Giovanni Artegiani e Fabio Cinti.

Giovanni, Dua Lipa, “Luna” e l’autotune

Giovanni Artegiani è un giovane cantautore perugino che ha, da poco più di un mese, pubblicato un EP dal titolo Luna. In totale sono 5 i brani contenuti nell’EP, di un pop incalzante e fresco, soprattutto se rapportato all’utilizzo massiccio di autotune durante tutto il disco.

Durante la live, abbiamo parlato con Giovanni di quanto sia difficile utilizzare l’autotune e di quanto sia, invece, dato per scontato. L’associazione dell’autotune con i difetti di intonatura è immediata al giorno d’oggi. Ma può essere un valore aggiunto in un brano pop?

Fabio Cinti, Battiato, Morgan, i Pink Floyd e la “musica di merda”

Tanti gli argomenti toccati anche nella chiacchierata con Fabio Cinti. Al blu mi muovo è il suo ultimo album (in uscita il 24 aprile) e ha avuto 4 anni di gestazione. In mezzo l’esperienza audace e meritevole di La voce del padrone – un adattamento gentile del 2018. Proprio di Franco Battiato abbiamo parlato oltre che di Morgan (come sarebbe una collaborazione con Pasquale Panella?) e dei Pink Floyd, di cui Fabio ci fa ascoltare l’intro di If, estratto da Atom Heart Mother.

Ricordate di lasciare un commento qui sotto per farci sapere se la puntata di oggi vi è piaciuta.

Non dimenticare di seguirci su Instagram e di iscriverti al canale Telegram, per rimanere sempre aggiornato sulle novità del podcast!